Report annuale del 2015


Alla fine per essere un blog

  • che ha pubblicato 12 articoli in un anno
  • che ha un seguito di commenti praticamente nullo
  • che non vende niente e non offre download di musica più o meno legale

non mi posso affatto lamentare di come è andato il 2015 : più di 81 mila visite.
Il report annuale del blog di jetpack.

E per l’anno prossimo la formula sarà la stessa:

Sognare un po’ grazie alla musica e ai vinili.

Buon anno nuovo a tutti.

Scala di Valutazione di Vinili (M, NM, EX, VG, G…)

Scala Valutazione Vinili Record Collector

Diverse volte sulle pagine di questo blog abbiamo parlato dell’importanza dello stato di conservazione di un vinile.

Le copie originali degli album che hanno fatto la storia della musica, infatti, hanno ormai almeno una trentina di anni e non sempre sono stati trattate come richiederebbe il galateo del perfetto vinilomane 🙂

Stiamo parlando di un problemone perché, tranne rari casi di dischi introvabili, la soddisfazione per l’acquisto di un disco è direttamente proporzionale al buono stato di conservazione del vinile: un album in condizione come nuovo ha una prestazione, ed un prezzo, completamente diverso rispetto allo stesso identico album ma con la copertina strappata e pieno di graffi sul disco.

Per fortuna esistono diversi trucchetti per poter riconoscere l’effettivo stato di un disco prima di acquistarlo.

In questa nuova guida vediamo un altro di questi trucchi da addetti ai lavori:

la scala di valutazione dei dischi in vinile.

David Gilmour’s Rattle That Lock: La recensione

Gilmour Rattle That Lock

Ultimamente non riesco a stare dietro a internet e ho bisogno di tempi infinitamente più lunghi per ascoltare un disco, capire se mi piace e scrivere qualcosa.

Mi sembrava però di fare un torto a questo blog – che è sicuramente un tributo alla musica in vinile ma che fin dal suo primo post ha sempre parlato spesso e volentieri dei Pink Floyd – non scrivendo due parole sul nuovo lavoro solista di David Gilmour uscito un mesetto fa.

Quindi eccoci qua:

Lo scorso 18 luglio è uscito a sorpresa su tutte le radio del pianeta RATTLE THAT LOCK, il nuovo singolo di David Gilmour.

Il brano è di impatto ed ha un suo perché: la voce, la chitarra e il modo tipico di comporre del chitarrista Floydiano si muovono su una base pop-rock alla Santana degli anni 2000, o alla Zucchero se volete. Il singolo è accompagnato dall’annuncio dell’uscita di lì a poco di un album omonimo e da un affascinante video animato in bianco e nero di tipo “messianico” con disegni che sono una via di mezzo tra le illustrazioni del Paradiso di Dante di Gustave Dorè e Sin City.

Che questo album non fosse una bufala (come altri pubblicati recentemente dalla cricca Gilmour & Co.) ma che ci fosse vera sostanza, si è capito agli inizi di settembre quando è uscito un secondo singolo: Today.

La Rinascita del Vinile – l’ infografica

How Vinyl Records Made Their Comeback

How Vinyl Records Made Their Comeback [Infographic] by the team at Liberty Games

C’è bisogno di aggiungere altro???

 

Record Store Day 2015: Eventi a ROMA

Record Store Day eventi ROMA

Termino l’elenco dei post dedicati al RECORS STORE DAY 2015 con la guida agli eventi che si svolgeranno nella città di ROMA.

Oltre alle uscite discografiche apposite, la giornata dei Negozi di Dischi indipendenti è anche e soprattutto una festa degli amanti di musica e dei luoghi dove naturalmente questa si trova: i negozi di dischi.

Iniziamo il programma degli Eventi della Capitale da

RADIATION RECORDS

rADIATION rECORD sTORE dAY eventi Roma

Alle ore 18 l’appuntamento si sposta da Radiation Records. Il negozio non solo aprirà no stop tutta la giornata ed applicherà gli sconti su tutto il catalogo che vedete nel volantino ma ha in preparazione un 45giri esclusivo dei Joy Division “Love will tear us apart” numerato a mano e,

RSD2015: Guida alle uscite PARTE 2

COLONNE SONORE – VINILI ITALIANI – REGGAE & JAMAICAN – JAZZY AND OLDIES

rsd 2015 aMBASSADOR

Come dicevo già nel PRIMO POST dedicato al Record Store Day, quest’anno l’elenco dei dischi in programma è così ampio da meritarsi più di un post.

Questa seconda parte della guida è a tema ed analizza le uscite preparate per l’occasione e dedicate alle Colonne Sonore di film, alla Musica Italiana, a quella proveniente dalla Giamaica, al Jazz e la musica “Oldies”.

Non mi perdo in chiacchiere ed subito con:

Il Buono, il Brutto e il Vinile

ovvero le colonne sonore in preparazione per il Record Store Day 2015:

Morricone - Il mio nome è nessuno

  • Ennio Morricone – Il mio nome è nessuno (LP Vinile Arancione, 500 copie)

Record Store Day 2015: Guida Ragionata alle uscite ROCK!!!

Record Store Day 2015 shrc

Anche quest’anno il terzo sabato del mese di aprile ha un nome molto famigliare ai vinilomani: RECORD STORE DAY.

La giornata è dedicata ai negozi di dischi indipendenti che hanno un grande ruolo nella diffusione della cultura dei vinili, ruolo che però molto spesso non gli viene riconosciuto.Dal 2008, quindi, l’evento tenta di dargli un po’ di visibilità facendo uscire delle edizioni speciali di dischi appositamente per l’occasione ed incentivando raduni, eventi ed altre iniziative volte a tener vivo l’interesse per il supporto che a noi piace tanto.

Da quando seguo personalmente l’RSD, questo è l’anno con l’elenco delle uscite più ricco, per cui il solito post che ho già fatto gli anni scorsi non mi basta.

A questo primo articolo che parla delle uscite ROCK programmate per il Record Store Day 2015, dunque, seguiranno altri post nei prossimi giorni pieni di sorprese (qui c’è il SECONDO).


 GLI IMPERDIBILI!!!!!!

Soft Machine – Wonderland (Lp 180 g – 500 copie)

Soft machine Wonderland RSD 2015

King Crimson: La storia nelle copertine di PJ Crook

Saluzzi'sHRC on King Crimson cover by PJ Crook

L’uscita del nuovo album dei King Crimson, il Live at the Orpheum di cui ho già parlato QUI, mi ha dato modo di rimestare nella discografia del gruppo di Fripp e soci ed una cosa che mi ha colpito è il numero impressionante di copertine disegnate dall’artista Pamela June Crook.

Pittrice dal curriculum internazionale, nonchè amica personale di Robert Fripp e consorte, la Crook nel 1997 realizza la copertina di Epitaph, cofanetto ormai celebre contenente concerti dei primissimi King Crimson, quelli di In the Court of the Crimson King. L’esperimento evidentemente funziona e così tra il 1997 ed il 2003 (e sporadicamente anche dopo) l’accoppiata King Crimson/PJ Crook danno alle stampe più di venti album.

PJ Crook PainterCome ogni fan del gruppo sa, Robert Fripp ha sempre avuto una preoccupazione maniacale di immortalare qualsiasi suono prodotto dai King Crimson e a partire dagli anni ’90 ha iniziato a pubblicare una lunga serie di album con materiale vecchio e nuovo, inizialmente denominati “King Crimson Collectors’ Club”, ovvero edizioni speciali riservate agli iscritti al Crimson FanClub, poi resi accessibili a tutti.

Questi album hanno trasformato la discografia dei King Crimson in un qualcosa di spaventosamente vasto (ad oggi Discogs conta 112 album ufficiali) e molto simile ad un film di Quentin Tarantino.

Seguendo le uscite per data di pubblicazione, infatti, ci si trova continuamente a fare dei viaggi spazio-temporali in un arco di 45 anni. Per questo motivo la Crook, pur avendo collaborato effettivamente solo per un decennio con il gruppo, ha illustrato copertine di album che abbracciano tutta la loro carriera.

Da qui l’idea di questo post di ripercorrere la storia dei King Crimson attraverso le copertine degli album disegnate da JP Crook.

Daevid Allen dei Gong dagli inizi alla fine

Daevid Allen

Che Daevid Allen, il settantaseienne leader dei Gong stesse male era cosa già nota da un po’.

Lo scorso novembre aveva annullato tutti gli appuntamenti per il lancio del disco I See You e cancellato tutte le date del tour che avrebbe dovuto seguirlo, incluse alcune date nel nostro paese.

Oggi però [5 febbraio 2015] sul sito ufficiale dei gong un messaggio dello stesso Daevid dice che ormai non c’è più nulla da fare: la malattia si è radicata e non gli restano che sei mesi di vita.

Alcune parti del messaggio sono per i miei gusti troppo crude (che ci devo fare, sono sensibile), per cui ne traduco solo una parte, quella più toccante

“[…] Così [da quando so che mi sono rimasti all’incirca sei mesi di vita] il mio punto di vista è cambiato: non sono interessato a interventi chirurgici infiniti e da un certo punto di vista sapere che la fine è vicina è stato un sollievo.

Io sono un grande credente di “E’ così che stanno le cose” e penso che sia arrivato il momento di smettere di fare resistenza e di negare l’evidenza ma di accettare le cose come stanno.

Posso solo sperare che nel corso di questo viaggio ho in qualche modo contribuito alla felicità nella vita di qualche altro essere umano compagno di viaggio. […]

Vi amo e sarò sempre con Voi.

Daevid xxx”

patrickstarcry


[aggiornamento]

Vinile Perfetto Magazine: Gennaio 2015

Photo of The Day - Gennaio SHRC 03

Facebook e G+ sono mezzi che ha tantissimi vantaggi social e che stanno regalando diverse soddisfazioni nell’interazione con questo blog. Hanno però anche un grande difetto che è quello della memoria. Tutto il lavoro fatto ha la durata massima di 2-3 giorni e poi di fatto scompare in un indefinito oceano di post nel quale si perde.

Questi tempi sono un po’ troppo veloci per noi vecchietti abituati a pensare in anni, se non in decenni, ed a volte anche in secoli 🙂

Riepilogo in questo post, quindi, e spero di poterlo fare regolarmente, le cose che ho postato sulla pagina di Alla Ricerca del Vinile Perfetto su Facebook e sul profilo SHRC di Google+ nel mese di Gennaio 2015. Il resoconto inconsciamente non é altro che un magazine con le cose più interessanti sul mondo del vinile e su quello della musica in generale.

Riflessioni sul 2014 appena concluso

vINILI sTRANI

Gennaio è il periodo in cui in genere si fa il punto sull’anno precedente ed anche quest’anno è un anno di trionfo per i dischi in vinile che crescono esponenzialmente sia in numero di pezzi venduti che in persone coinvolte!