Posts Tagged: Velvet Underground

Vinili sotto l’Albero 2013

La guida dei regali di natale 2013 di SHRC!

(C’è anche l’edizione 2014 della guida)

Vinyl Tree Albero di Natale Vinile

Finalmente sta arrivando Natale e tra le piccole soddisfazioni di questo periodo c’è quella di farsi un giro su internet per capire cosa sta uscendo nei negozi di dischi, alla ricerca di qualcosa da farsi regalare.

Direi che la tendenza di quest’anno è una:

DELUXE EDITION di vecchi album

Nuove edizioni, remasterizzazioni, box sets, cofanetti e remix. Di ogni tipo, nelle forme più svariate.

Sulla inutilità (e cattivo gusto) di alcune di queste edizioni ho letto recentemente un divertentissimo post dal titolo CD Madness – Il mercato è impazzito che trovate qui.

Al di là delle battute, però, sono comunque uscite diverse cose che sembrano interessanti.

Le ristampe (Nick Drake, Dire Straits, Manu Chao, Rino Gaetano e CSI)

Nick Drake Tck Box

Molti cofanetti natalizi sono soltanto delle riedizioni “tal quale” di album o intere discografie. C’è quella di Nick Drake in CD dal titolo Tuck Box che ripropone i tre album in studio ed i due di outtakes, quella degli Yes (idem con patate) e quella dei Dire Straits e degli Eagles che almeno rispetto alle altre hanno il merito di essere uscite in Vinile e non (solo) in CD.

Lou Reed non è morto!

20867_h2048w2048gtOgni volta la stessa storia.

Non mi piace l’idea di avere un blog che sia un necrologio di vecchi leoni al tramonto, per cui quando muore un musicista (cosa che in questo momento sta capitando un paio di volte al mese), prima di farci un post mi chiedo sempre se è solo un modo di sfruttare il nome della buonanima per avere un paio di visite in più sul sito oppure se ne vale veramente la pena.

Poi muore Lou Reed.

Lou Reed No!

Lou Reed ha fatto alcuni fra i dischi che ho ascoltato di più in vita mia (non sto esagerando).

E non conta che è un cantante americano (con il tempo ho capito che la musica americana non mi piace).

E non conta il fatto che negli anni ’70 ha avuto un blocco creativo che si è portato avanti per quarant’anni.

Lou Reed è stato un grande, sempre!

Bando ai mortaccionismi tipici di questi momenti, questo post racconta le prime cose belle che mi sono venute in mente su un mito del secolo scorso, raccontate come se ieri non fosse successo niente.

—————————————————–

I geniali fallimenti di Lou Reed

Hudson River Wind Meditations Cover

The Whole World of Kevin Ayers

Kevin Ayers, Brian Eno, Nico, John Cale. 1 June 1974
Canterbury Scene for Dummies part. 2

Bianco e Nero (Sting e i Velvet Underground)

Grazie alla programmazione dei post (funzione di WordPress gentilmente fattami scoprire da Skylyro) riesco a mantenere aggiornato il blog anche quando sono fuori. Fantastico! Ho il tempo quindi di pubblicare alcuni pezzi nuovi della Saluzzi’s Home Record Collection.

Mentre stavo fotografando l’album omonimo dei Velvet Underground ho notato che l’album ha una copertina interamente in bianco e nero – fronte, retro inclusi i loghi e l’etichetta della casa discografica.

E’ una caratteristica molto più frequente di quanto sembra.

Ho iniziato a cercare nella mia collezione e ne ho trovati tanti, molto diversi fra di loro ma accomunati da un certo fascino: il fascino del bianco e nero.

The Velvet Underground

Loaded dei Velvet Underground (Cimeli dell’RSD 2012)

Velvet Underground Loaded, Lou Reed, vinyl colour, pink

Il Record Store Day quest’anno ha avuto due grandi meriti.