Quella sera allo Speakeasy (Soft Machine & Jimi Hendrix 22 feb 1967)

Soft Machine play at Speakeasy

english versionENGLISH VERSION

I Soft Machine hanno mai suonato dal vivo con Jimi Hendrix oppure no? Se sì dove?

Internet in questo senso fa una grande confusione ma sembra che su una cosa siano tutto d’accordo: almeno una volta, il 22 febbraio 1967 Jimi Hendrix è salito sul palco dove stavano suonando i Soft Machine e, imbracciando il basso, ha iniziato una Jam session con loro.

Ma siamo certi?

Prima di chiudere un po’ per le vacanze estive continuo una delle saghe nate insieme a questo blog che è quella che racconta le volte che le strade dei Soft Machine e dei loro membri si sono incontrate con quelle di Jimi Hendrix e le sue band.
Avevo iniziato con il tour che i due gruppi fecero nel 1968 negli Usa (vedi anche qui), per poi passare alle registrazioni dei concerti dei Soft Machine durante quel tour, le collaborazioni in studio sicure e quelle dubbie.

Ma qui parliamo di una cosa diversa: i Soft Machine e Jimi Hendrix insieme, sullo stesso palco, DAL VIVO.

Sebbene su Internet qualcuno parli di una jam session tra i due gruppi il 20 febbraio del 1968 (ne avevo già parlato qui ed avevo già detto che secondo me era una bufala), quasi tutti concordano che i Soft ed Hendrix suonarono assieme una sola volta:

il 22 febbraio 1967.

——————————–

La ricerca

A prima vista tutto sembra filare liscio.

La mia ricerca è partita da Wikipedia italiana, che in realtà si rifà alla biografia dei Soft Machine presente su Discogs che dice:

“In January 1967, the band’s first single release was recorded. Soft Machine, The* – Love Makes Sweet Music / Feelin’ Reelin’ Squeelin’. Celebrating its release on February 22nd the band gave a press conference at The Speakeasy, performing that evening at The Roundhouse as the opening act for the Jimi Hendrix Experience- where Hendrix jammed with them on bass…”

Pur essendo un sito molto visitato ed affidabile, Discogs è comunque social e le informazioni sono inserite dagli utenti e non da professionisti per cui ho cercato altro e l’ho trovato nella nota che la Cuneiform Records (la casa discografica dei gruppi di Canterbury) ha scritto per l’uscita del live dei Soft Machine Middle Earth Masters che dice sostanzialmente la stessa cosa:

“As Graham Bennett details in his book, Soft Machine: Out-Bloody-Rageous (source of much bio info used here), 1967 was a momentous year for Soft Machine. It opened with the band recording in CBS’ studios for major label Polydor, who released Soft Machine’s first single in February, called “LoveMakesSweetMusic/ Feelin’ Reelin’ Squeelin’.” Celebrating the release, on Feb. 22nd Soft Machine gave an afternoon press conference at Speakeasy, the London club for top rock acts, and performed that evening at the Roundhouse, opening for the JimiHendrixExperience and jamming onstage with Hendrix on bass…” (qui il file completo)

Prima la conferenza allo Speakeasy per la presentazione del singolo Love Makes Sweet Music e poi il concerto al RoundHouse.

ll tutto è supportato da foto e documenti dell’epoca.

——————————–

Come andò quel giorno

Il pomeriggio. Dopo aver partecipato tra le ore 13 e le 14 al programma ‘Parade Of The Pops’ alla BBC, dove ha suonato Hey Joe, Hendrix va allo Speakeasy insieme a Noel Redding dove assiste alla presentazione del singolo dei Soft Machine sedendo fra il pubblico:

Speakeasy6 jimi hendrix london Speakeasy7 jimi hendrix 22 feb 1967

 

 

Al termine incontra i ragazzi dei Soft Machine (Kevin Ayers, Robert Wyatt e Mike Ratledge):

Scattano anche una foto “ufficiale” con un Daevid Allen dietro Hendrix abbastanza scocciato:

At the Speakeasy on eb 22 1967

La sera. Terminata la conferenza stampa si spostano tutti al Roundhouse.

La pubblicità del concerto, in programma tra le ore 19,30 e mezzanotte è presente anche su IT, il giornale Underground dei gestori dell’UFO Club:

IT_1967-02-13_Volume-1_Iss-8_Pag_016

 

Del concerto di Jimi di quella sera al Roundhouse esistono molte foto:

Hendrix al Roundhouse Hendrix Roundhouse Soft Machine

Altre sono qui.

 

Di quello dei Soft Machine, invece, non ce n’è neanche una. Secondo le fonti, però, sappiamo che ad un certo punto Jimi Hendrix è salito sul palco, ha preso il basso ed ha iniziato una jam con gli altri.

——————————–

La realtà non è mai come ci si presenta in apparenza

Caso risolto, quindi.

Certo, diversi siti internet dicono che la jam non si tenne al Roundhouse bensì allo Speakeasy (la voce Soft Machine, Ratledge e Wyatt sulla Wikipedia italiana, questo articolo sui chitarristi psichedelici uscito sulla rivista Guitar Player, questa timeline di Hendrix su un forum francese…), ma data la “eterogeneità” di internet è possibile che su dettagli come questo ci siano versioni discordanti.

Io non avevo mai messo in dubbio che la jam fosse stata al Roundhouse perchè allo Speakeasy i Soft Machine fecero una conferenza stampa e NON SUONARONO.

Come avrebbero potuto fare una jam?

NON SUONARONO?

continuando a cercare sono finito su questa foto:

Soft Machine play at Speakeasy

Stessa location delle foto sopra, tutti e 4 i Soft sono vestiti esattamente allo stesso modo e soprattutto una didascalia che non lascia nulla all’interpretazione:

Soft Machine play at the Press launch for the release of ‘Love Makes Sweet Music’ on February 22, 1967 at the Speakeasy.

Un tassello nuovo rispetto alla versione “ufficiale”: sembra proprio che i Soft Machine alla conferenza stampa non parlarono soltanto ma suonarono anche.

Ho trovato altre due fonti MOLTO affidabili che propendono per la Jam allo Speakeasy.

1. Soft Machine: Out-Bloody-Rageous di Graham Bennett

“LA” biografia dei Soft Machine, un lavoro monumentale fatto da Bennett e tra l’altro citato dalla stessa Cuneiform Records all’inizio del post. A differenza della nota Cueniform, però, il libro la pensa diversamente su quella conferenza stampa dicendo:

“Following a press reception at the Speakeasy club to plug “Love Makes Sweet Music” – which was enhanced by the presence of the Jimi Hendrix Experience and a jam session in which Hendrix played bass with Soft Machine…”

 2. articolo This Way to the Speakeasy uscito su NME di Maggio 1967

Un recente post del bel blog a Dandy in Aspic racconta di un articolo sullo Speakeasy uscito sulla rivista New Musical Express solo qualche mese dopo la serata in questione in cui sotto la foto ufficiale della serata c’è una didascalia che lascia intendere che i due fecero la Jam proprio in quel locale. Di Hendrix poi dice:

Hendrix was always blowing there. Couldn’t get him off! He didn’t care what he played, either: guitar, bass, anything he’d be there. And with anybody. It was definitely the after-hours musician’s place.

——————————–

Purtroppo questo è tutto quello che sono riuscito a trovare; tra l’altro nessuno parla di COSA i due gruppi suonarono insieme nè tantomeno nessuno parla di una registrazione del pezzo (purtroppo non sono le Soft Machine Jam di cui si parla qui).

Il segreto è riposto nei pochi fortunati che quella sera assistettero ad un evento storico e mai più ripetuto:

Vedere i Soft Machine con Jimi Hendrix sullo stesso palco.

——————————–

Per approfondire:

 ——————————–

Print Friendly, PDF & Email

2 Comments

  1. Rispondi
    capoccione74 15 luglio, 2013

    che si bravo

    • Rispondi
      saluzzishrc 15 luglio, 2013

      Grazie mille comm 🙂

Dicci cosa ne pensi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: