Tesori del Collezionismo Vinilico Italiano – Parte Due

L’ARTICOLO INIZIA QUI

Adriano Celentano – Con Eraldo Volonté & His Rockers

valori dischi vinile

Artista: Adriano Celentano Con Eraldo Volonté & His Rockers – Titolo: Rip It Up / Jailhouse Rock / Tutti Frutti / Blueberry Hill – Tipo: EP – Anno: 1958 – Etichetta: Music – N. Catalogo: EPM 10123

Artista: Adriano Celentano Con Eraldo Volonté & His Rockers – Titolo: Tell Me That You Love Me / The Stroll / Man Smart / I Love You Baby – Tipo: EP – Anno: 1958 – Etichetta: Music – N. Catalogo: EPM 10132

Il supermolleggiato ha all’attivo centinaia di dischi e singoli nella sua discografia senza contare compilation, collaborazioni e produzioni di artisti del suo Clan. Molti di questi dischi raggiungono cifre importanti. I più preziosi sono probabilmente i due EP usciti nel 1958 e che contengono ciascuno 4 cover di brani Rock & Roll eseguiti da Celentano insieme al sassofonista Eraldo Volonté e i suoi Rocker. I dischi, che quest’anno compiono 60 anni, sono il debutto assoluto di Celentano su vinile. VinilValore li stima 700 euro e le vendite online sostanzialmente confermano.

Valore Medio: 700 euro cadauno


Lucio Battisti – Dolce di Giorno/Per Una Lira

Artista: Lucio Battisti – Titolo: Dolce di Giorno / Per Una Lira – Tipo: 45 giri – Anno: 1966 – Etichetta: Ricordi – N. Catalogo: SRL 10-430

Battisti si affermò senza troppa fatica come autore geniale per altri artisti (nel 1967, a 24 anni, aveva già scritto in coppia con Mogol canzoni per gli Equipe 84, i Dik Dik, i Ribelli di Demetrio Stratos e Riki Maiocchi). Più difficile fu affermarsi come cantante delle proprie canzoni. Minacciando la Ricordi di andarsene, li costrinse a fargli incidere questo singolo con due sue canzoni che erano già state cantate da altri. Delle 1000 copie stampate si stimano che ne furono vendute poco più di 500, le altre furono mandate al macero e le copertine bucate e usate come copertine generiche. Vinil Valore le stima 1000 euro ma negli scorsi anni è arrivato tranquillamente a 1500. Anche il secondo singolo, sempre poco fortunato, Luisa Rossi / Era, raggiunge cifre da capogiro e nel 2011 in versione come nuova è stato venduto su Ebay alla cifra record di 2110 euro.

Valore Medio: 1000 euro


Mia Martini – Cica Cica Boom

valori dischi vinile

Artista: Mia Martini – Titolo: Cica Cica Boom (A:Remix – B:Instrumental) – Tipo: 12″ Maxi – Anno: 1990 – Etichetta: Fonit Cetra – N. Catalogo: DLP 638 (Mai Commercializzato)

Il brano Chica Chica Boom, cover di una vecchia canzone portata al successo da Carmen Miranda, era incluso nell’album La mia razza del 1990. Nello stesso anno la casa discografica pensò di fare un 12″ con il brano reintitolato Cica Cica Boom (guarda caso come un noto strip club della capitale) e con una copertina che, per dirla alla Caparezza, conteneva una “banale allusione sessuale sulle banane”. L’artista si oppose e il disco non uscì mai. Le copie in circolazione (che Vinil Valore valuta 900 euro) vengono vendute in genere intorno ai 300 tranne un’asta di ebay del 25 marzo 2016 che arrivò alla strabiliante cifra di 1200 euro.

Valore Medio: 300 euro


Banco del Mutuo Soccorso – Salvadanaio

Artista: Banco del Mutuo Soccorso – Titolo: Banco Del Mutuo Soccorso – Tipo: LP – Anno: 1972 – Etichetta: Ricordi – N. Catalogo: SMRL 6094

In un post sulle rarità viniliche del nostro bel paese non poteva mancare, per meriti conquistati sul campo di battaglia, quello che il sito PsychandProg definisce correttamente: “marchio IGP del progressive italiano nel mondo” ovvero il cosiddetto Salvadanaio del Banco del Mutuo Soccorso. L’edizione originale ha la copertina sagomata, una liguetta estraibile con le foto in bianco e nero dei componenti della band e nei solchi interni del disco ha incisa la data 22/04/1972. Nonostante la sua celebrità Vinil Valore valuta questo album “solo” 500 euro, valore confermato tranne rare eccezioni (è arrivato anche a 1000 euro) nelle vendite online.

Valore Medio: 500 euro


Vasco Rossi – Ma Cosa Vuoi Che Sia Una Canzone

Artista: Vasco Rossi – Titolo: …Ma Cosa Vuoi Che Sia Una Canzone… – Tipo: LP – Anno: 1978 – Etichetta: Lotus – N. Catalogo: LOP 12802

I cultori della musica underground devono mettersi l’anima in pace, il Sacro Graal della mercato di dischi in vinile italiano spetta al “commercialissimo” Vasco Rossi e al disco d’esordio “ma cosa vuoi che sia una canzone” nella versione passata alla storia come la “Matita” di Vasco. Stampato da una misconosciuta casa discografica quando Vasco si sentiva un Disc Jockey e non prendeva sul serio l’attività di cantautore, di quest’album ne esistono poche copie che i fan si litigano. VinilValore lo valuta 2000 euro (il disco più caro della guida) ma nelle aste arriva tranquillamente fino a 3000. C’è da dire che rispetto all’edizione Ricordi che tutti abbiamo in casa, la prima edizione aveva un packaging decisamente più bello. Nella busta interna c’erano delle foto molto belle, i testi delle canzoni, un sacco di credits e due scritti di Vasco sulla sua biografia e su cosa ne pensava delle canzoni. Esiste anche una stampa promozionale dove Vasco è presentato come “Vasco Rossi – Il Disc Jockey di Punto Radio Zocca” che nel 2012 in edizione sigillata è stato venduto a 4560 euro.

Valore Medio: 2200 euro

Le foto della busta interna prese da Discogs

——

SEGUI LE NOSTRE GUIDE SUL MONDO DEL VINILE:

Tante altre cose le trovi nella nostra Vinyl Planet

 

Print Friendly, PDF & Email

Dicci cosa ne pensi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: